Dal Ministero dello Sviluppo Economico 7,5 milioni di euro per le piccole e medie imprese con i nuovi bandi Disegni+3 e Marchi+2.

Il bando DISEGNI+3, sosterrà la capacità innovativa e competitiva delle PMI attraverso la valorizzazione e lo sfruttamento economico dei disegni/modelli industriali sui mercati nazionale ed internazionali, mediante agevolazioni finalizzate all’acquisto di servizi specialistici esterni, non sono pertanto finanziabili i costi relativi al personale dipendente dell’impresa.

Le risorse stanziate ammontano a 4.7 milioni di euro e saranno destinate alla realizzazione di un progetto finalizzato alla valorizzazione di un disegno/modello, singolo o multiplo. Il progetto deve riguardare la valorizzazione di un disegno/modello che – alla data di presentazione della domanda di agevolazione – sia registrato e di cui l’impresa richiedente l’agevolazione sia titolare o in possesso di un accordo di licenza con un soggetto, anche estero, che ne detiene la titolarità. Il disegno/modello può essere registrato presso qualsiasi ufficio nazionale o regionale di proprietà intellettuale/industriale. Il progetto deve essere concluso entro 9 mesi dalla notifica del provvedimento di concessione dell’agevolazione.

Le agevolazioni sono concesse nella forma di contributo in conto capitale in misura massima pari all’80% delle spese ammissibili e sono finalizzate all’acquisto di servizi specialistici esterni per favorire:

Fase 1 Produzione: destinata all’acquisizione di servizi specialistici esterni volti alla valorizzazione di un disegno/modello per la messa in produzione di nuovi prodotti a esso correlati.

Sono ammissibili le spese sostenute, successivamente alla data di registrazione del disegno/modello e in ogni caso non antecedenti alla data di pubblicazione del bando in Gazzetta, ovvero il 3 dicembre 2015, per:

  • ricerca sull’utilizzo dei nuovi materiali;
  • realizzazione di prototipi e stampi;
  • consulenza tecnica relativa alla catena produttiva;
  • consulenza legale relativa alla catena produttiva;
  • consulenza specializzata nell’approccio al mercato (strategia, marketing, vendita, comunicazione).

L’importo massimo dell’agevolazione, per la Fase 1, è pari a euro 65.000,00.

Fase 2 Commercializzazione: destinata all’acquisizione di servizi specialistici esterni volti alla valorizzazione di un disegno/modello per la commercializzazione del titolo di proprietà industriale.

Sono ammissibili le spese sostenute, successivamente alla data di registrazione del disegno/modello e in ogni caso non antecedenti alla data di pubblicazione del bando in gazzetta, ovvero il 3 dicembre 2015, per:

  • consulenza specializzata nella valutazione tecnico-economica del disegno/modello e per l’analisi di mercato, ai fini della cessione o della licenza del titolo di proprietà industriale;
  • consulenza legale per la stesura di accordi di cessione della titolarità o della licenza del titolo di proprietà industriale;
  • consulenza legale per la stesura di eventuali accordi di segretezza.

L’importo massimo dell’agevolazione, per la Fase 2, è di euro 15.000,00.

Per accedere alle agevolazioni è possibile prevedere, per lo stesso disegno/modello registrato, una sola Fase o entrambe.

Le imprese interessate possono presentare più richieste di agevolazione aventi ad oggetto – ognuna di esse – un diverso disegno/modello registrato (singolo o multiplo) fino al raggiungimento dell’importo massimo, per impresa, di euro 120.000,00.

Per certificato di registrazione si intende la prova, l’attestazione dell’effettiva registrazione del disegno/modello. Il documento può variare in base all’ufficio presso cui è avvenuto il deposito. Per esempio per l’UIBM è il certificato di registrazione, per l’UAMI è la pubblicazione del disegno registrato nel Bollettino dei disegni e modelli comunitari.

Le domande potranno essere presentate, a partire dal 90° giorno successivo alla pubblicazione del relativo avviso (ovvero il 2 marzo) e fino all’esaurimento delle risorse.

La procedura on line per la compilazione del form sarà disponibile sul sito www.disegnipiu3.it dalla data di partenza del bando.

Per accedere all’agevolazione le imprese devono:

  • compilare obbligatoriamente il form on line che consentira l’attribuzione del numero di protocollo, che dovra essere riportato nella domanda di agevolazione;
  • presentare le domande per l’agevolazione entro 5 giorni dalla data del protocollo assegnato mediante compilazione del form on line, attraverso Posta Elettronica certificata (PEC) al seguente indirizzo: disegnipiu3@legalmail.it.

L’erogazione dell’agevolazione avviene al termine del progetto a seguito della positiva verifica della documentazione finale delle spese sostenute, accertate sulla base delle fatture quietanzate, e del raggiungimento degli obiettivi del progetto.

 

 

Il bando Marchi+2, a cui sono destinati 2.8 milioni di euro, è finalizzato ad offrire agevolazioni per la registrazione di marchi comunitari e internazionali da parte delle micro, piccole e medie imprese.

Il bando Marchi+ prevede due misure di intervento:

  • Misura A) Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi comunitari presso UAMI (Ufficio per l’Armonizzazione nel Mercato Interno) attraverso l’acquisto di servizi specialistici;
  • Misura B) Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi internazionali presso OMPI (Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale) attraverso l’acquisto di servizi specialistici.

Per uno stesso marchio è possibile cumulare le agevolazioni previste per le misure A e B (qualora nella misura B non si indichi l’Unione Europea come Paese designato) nel rispetto dei limiti dei valori massimi indicati per marchio e per impresa.

Sono ammesse alle agevolazioni le micro, piccole e medie imprese che, alla data di presentazione della domanda, siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • avere sede legale e operativa in Italia;
  • essere regolarmente costituite e iscritte nel Registro delle Imprese e in regola con il pagamento del diritto annuale;
  • essere nel pieno diritto e libero esercizio dei propri diritti civili, non essere in stato di liquidazione o scioglimento e non essere sottoposte a procedure concorsuali.
  • non essere imprese in difficoltà.

Non sono ammesse ai benefici le imprese operanti nelle attività escluse dal regolamento de minimis.

Le agevolazioni non possono, pertanto, essere concesse a:

  • imprese attive nel settore della pesca e dell’acquacoltura;
  • imprese attive nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli di cui all’allegato I del Trattato;
  • per lo svolgimento di attività connesse all’esportazione verso paesi terzi o Stati membri, ossia aiuti direttamente collegati ai quantitativi esportati, alla costituzione e gestione di una rete di distribuzione o ad altre spese correnti connesse con l’attività di esportazione;
  • per gli interventi subordinati all’impiego preferenziale di prodotti interni rispetto ai prodotti di importazione;
  • imprese attive nel settore carboniero.

Per uno stesso marchio è possibile cumulare le agevolazioni previste per le misure A e B (qualora nella misura B non si indichi l’Unione Europea come Paese designato) nel rispetto dei limiti dei valori massimi indicati per marchio e per impresa.

I contenuti essenziali delle misure attivate sono di seguito sintetizzati:

Misura A) Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi comunitari presso UAMI attraverso l’acquisto di servizi specialistici

Requisiti di ammissibilità

Possono richiedere l’agevolazione le imprese che alla data di presentazione della domanda di agevolazione abbiano effettuato almeno una delle seguenti attività:

  • deposito domanda di registrazione presso UAMI di un nuovo marchio;
  • deposito domanda di registrazione presso UAMI di un marchio registrato (o per il quale sia stata depositata domanda di registrazione) a livello nazionale di cui si abbia già la titolarità;
  • deposito domanda registrazione presso UAMI di un marchio acquisito da un terzo e già registrato (o per il quale è stata depositata domanda di registrazione) a livello nazionale.

Iniziative agevolabili

In relazione al deposito di tali domande di marchio l’impresa può richiedere un’agevolazione a fronte delle spese sostenute per:a.     Progettazione del nuovo marchio (ideazione elemento verbale e progettazione elemento grafico);

b.     Assistenza per il deposito;

c.     Ricerche di anteriorità per verificare l’eventuale esistenza di marchi identici e/o di marchi simili che possano entrare in conflitto con il marchio che si intende registrare;

d.     Assistenza legale per azioni di tutela del marchio in caso di opposizione/rifiuto/rilievi seguenti al deposito della domanda di registrazione. L’agevolazione per tale servizio potrà essere richiesta – nel rispetto dei limiti previsti per singolo marchio – anche a fronte di un’agevolazione già concessa a valere sul presente bando presentando, entro i termini di vigenza dello stesso e con una successiva richiesta, un’integrazione alla domanda di agevolazione;

e.     Tasse di deposito presso UAMI.

Ai fini dell’ammissibilità tutte le spese (comprese le tasse di deposito) devono essere sostenute a decorrere dal 1° febbraio 2015 e comunque in data antecedente la presentazione della domanda di agevolazione.

Per accedere alla Misura è obbligatorio avere effettuato il deposito della domanda di registrazione del marchio per il quale si richiedono le agevolazioni e avere assolto il pagamento delle tasse di cui alla lettera “e”.

Importo massimo agevolazioneL’importo massimo complessivo dell’agevolazione è pari a  € 6.000,00 per domanda relativa ad un marchio depositato presso l’UAMI.

 

Misura B) Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi internazionali presso OMPI attraverso l’acquisto di servizi specialistici

 Requisiti di ammissibilità

Possono richiedere l’agevolazione le imprese che alla data di presentazione della domanda di agevolazione siano titolari di un marchio registrato a livello nazionale o comunitario o abbiano già depositato domanda di registrazione nazionale o comunitaria.

Iniziative agevolabili

L’impresa può richiedere un’agevolazione per l’estensione dei predetti marchi, anche con designazioni successive, tramite procedura OMPI per le spese sostenute per:

  1. Progettazione del nuovo marchio nazionale/UAMI (ideazione elemento verbale e progettazione elemento grafico) utilizzato come base per la domanda internazionale, a condizione che quest’ultima venga depositata entro 6 mesi dal deposito della domanda nazionale o comunitaria;
  2. Assistenza per il deposito;
  3. Ricerche di anteriorità per verificare l’eventuale esistenza di marchi identici e/o di marchi simili che possano entrare in conflitto con il marchio che si intende registrare;
  4. Assistenza legale per azioni di tutela del marchio in caso di opposizione/rifiuto/rilievi seguenti al deposito della domanda di registrazione. L’agevolazione per tale servizio potrà essere richiesta – nel rispetto dei limiti previsti per singolo marchio – anche a fronte di un’agevolazione già concessa a valere sul presente bando presentando, entro i termini di vigenza dello stesso e con una successiva richiesta, un’integrazione alla domanda di agevolazione.
  5. Tasse sostenute presso UIBM o UAMI e presso OMPI per la registrazione internazionale.

Ai fini dell’ammissibilità tutte le spese (comprese le tasse sostenute presso UIBM o UAMI e presso OMPI per la registrazione internazionale) devono essere sostenute a decorrere dal 1° febbraio 2015 e comunque in data antecedente la presentazione della domanda di agevolazione.

Per accedere alla Misura è obbligatorio avere effettuato il deposito della domanda di registrazione del marchio per il quale si richiedono le agevolazioni e avere assolto il pagamento delle tasse di cui alla lettera “e”.

Ai fini dell’estensione e delle ricerche di anteriorità l’Unione Europea è considerata come un singolo Paese.Importo massimo agevolazione concedibilePer  le domande di registrazione internazionale depositate dal 1° febbraio 2015 l’importo massimo dell’agevolazione è pari a:

  • € 6.000,00 per ciascuna richiesta di agevolazione relativa ad un marchio depositato presso OMPI che designi un solo Paese;
  • € 7.000,00 per ciascuna richiesta di agevolazione relativa ad un marchio depositato presso OMPI che designi due o più Paesi.

Nel caso in cui la designazione interessi i Paesi USA e/o Cina l’agevolazione sarà pari al 90% delle spese ammissibili sostenute sempre nei limiti previsti per l’acquisto dei servizi riportati nel prospetto sopra indicato.

In tal caso, l’importo massimo dell’agevolazione è pari a:

  • € 7.000,00 per ciascuna richiesta di agevolazione relativa ad un marchio depositato presso OMPI che designi USA o Cina;
  • € 8.000,000 per ciascuna richiesta di agevolazione relativa ad un marchio depositato presso OMPI che designi USA e/o Cina e uno o più Paesi.

Sempre in relazione alle domande  depositate dal 1° febbraio 2015 per uno stesso marchio è possibile effettuare delle designazioni successive di ulteriori Paesi; in tal caso le agevolazioni saranno cumulabili fino all’importo massimo di € 7.000,00. Nel caso in cui la designazione successiva interessi i Paesi USA e/o Cina, senza che nessuno dei due Paesi sia stato designato in precedenti richieste di agevolazione, le agevolazioni saranno cumulabili fino all’importo massimo di € 8.000,00.

Per domande di registrazione internazionale depositate prima del 1° febbraio 2015 è possibile richiedere agevolazioni solo per le designazioni successive effettuate dopo la pubblicazione del suddetto comunicato; in tal caso l’importo massimo delle agevolazioni è pari a:

  • € 2.000,00 per domanda di designazione successiva di un solo Paese depositata presso l’OMPI;
  • € 3.000,00 per domande di designazione successiva di due o più Paesi depositate presso l’OMPI.

Resta inteso che nel caso di designazioni di due o più Paesi effettuate in momenti diversi l’importo massimo cumulabile delle agevolazioni sarà di € 3.000,00.

Ciascuna impresa può presentare più richieste di agevolazione, sia per la Misura A sia per la Misura B, fino al raggiungimento del valore complessivo di € 20.000,00.

Le domande potranno essere presentate, a partire dal 60° giorno successivo alla pubblicazione del relativo avviso (ovvero il 1 febbraio) e fino all’esaurimento delle risorse.

La procedura on line per la compilazione del form sarà disponibile sul sito www.marchipiu2.it dalla data di partenza del bando.

Per accedere all’agevolazione le imprese devono:

  • compilare obbligatoriamente il form on line che consentira l’attribuzione del numero di protocollo, che dovra essere riportato nella domanda di agevolazione;
  • presentare le domande per l’agevolazione entro 5 giorni dalla data del protocollo assegnato mediante compilazione del form on line, attraverso Posta Elettronica certificata (PEC) al seguente indirizzo: marchipiu2@legalmail.it.

Le risorse saranno assegnate con procedura valutativa a sportello, secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande e sino a esaurimento delle stesse.

L’istruttoria delle domande è effettuata dall’Unioncamere che verifica la regolarità formale e la completezza della domanda di agevolazione, la sussistenza dei requisiti, le condizioni di ammissibilità previste dal bando, nonché sulla base della documentazione prodotta, la coerenza e congruità delle spese sostenute per l’acquisizione dei servizi previsti dalle singole Misure.

L’istruttoria si conclude con un giudizio motivato, positivo o negativo, in merito alla concessione o meno dell’agevolazione mediante comunicazione all’impresa interessata.

L’agevolazione sarà erogata dall’Unioncamere direttamente sul conto corrente bancario indicato dalla impresa beneficiaria entro 60 giorni dalla comunicazione della concessione dell’agevolazione stessa

Fonte: http://www.sviluppoeconomico.gov.it

 

 

Per ulteriori informazioni contattateci qui.